Disturbo Ciclotimico

Disturbo Ciclotimico

I sintomi che caratterizzano il disturbo ciclotimico sono simili a quelli del disturbo bipolare, ma meno gravi. Chi soffre di questo disturbo alterna episodi ipomaniacali a periodi con sintomi depressivi;
L’alterazione dell’umore è presente continuativamente per almeno due anni negli adulti e per almeno un anno in bambini e adolescenti. Gli stati di eccitazione, assomigliano agli stati ipomaniacali e maniacali, ma sono meno intensi. I periodi di abbattimento sono costituiti da sintomi depressivi lievi o moderati.

Trascorso il periodo dei primi due anni, la sintomatologia può aggravarsi: si possono manifestare episodi maniacali veri e propri oppure episodi depressivi che soddisfano i criteri per la depressione maggiore.
I sintomi, quindi, non sono abbastanza gravi, numerosi, pervasivi o persistenti da configurarsi come un episodio ipomaniacale, maniacale o come un episodio depressivo maggiore (vedi disturbi depressivi).

Il disturbo compare precocemente, nell’adolescenza o nella prima età adulta e ha un decorso persistente e cronico.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altro da scoprire

Blog

L’ansia e le sue emozioni

Il termine ansia deriva dal latino àngere, ovvero stringere, e metaforicamente sembra davvero che l’ansia riesca a stringere nella sua forte presa. Occorre sempre chiedersi,